Flow Chart

Programmi gratuiti per disegnare diagrammi di flusso

 ESCAPE='HTML'

I diagrammi di flusso sono uno strumento molto utile per rappresentare in maniera semplificata, sotto forma di schema, un concetto o un’idea più complessa. Si tratta, dunque, di una rappresentazione grafica utile per organizzare al meglio il lavoro e mettere le idee in ordine.

Come potrai immaginare, esistono diversi tipi di diagrammi di flusso e questi sono sempre composti da forme geometriche collegate in maniera multi-direzionale fra loro. Questi strumenti si prestano ad essere utilizzati in diversi contesti, da quello accademico a quello professionale.

Ma vediamo ora che cos’è un diagramma di flusso, da quali elementi è composto e come fare per crearne uno.

I diagrammi di flusso

Per diagramma di flusso si intende una rappresentazione grafica delle operazioni da eseguire per  potere eseguire un programma. Ogni passo è rappresentato da una serie di simboli standard. Grazie ad un linguaggio di modellazione grafico, il diagramma visualizza:

  • Le operazioni da compiere, rappresentate attraverso sagome convenzionali (rettangoli, rombi, esagoni, parallelogrammi, rettangoli smussati…),ognuna con un preciso significato logico e all’interno delle quali un’indicazione testuale descrive l’attività da svolgere;
  • La sequenza nella quale devono essere compiute, rappresentata con frecce di collegamento.

Per via di queste sue caratteristiche, il diagramma di flusso può essere ricondotto alla macrocategoria del diagramma a blocchi, che rientra a sua volta nella categoria delle mappe concettuali.

Perché creare un diagramma

Tra i diversi motivi per i quali dovresti sfruttare diagrammi di flusso e mappe concettuali sicuramente rientrano i seguenti: 

  • Mettere nero su bianco le idee: per snocciolare le idee relative ad un tema in particolare, i diagrammi sono lo strumento ideale, soprattutto perché permettono di creare dei collegamenti logici tra blocchi;
  • Ripassare: i diagrammi sono utilissimi per un rapido colpo d’occhio dopo aver studiato;
  • Illustrare un progetto: se devi presentare un’idea o un progetto, sfrutta i diagrammi di flusso per connettere i tuoi concetti.

Il diagramma di flusso è parente stretto delle mappe concettuali, utilissime per massimizzare i risultati del tuo studio. Sono entrambi strumenti di studio veramente utili, che ti permettono – in maniera molto semplice e pratica – di schematizzare gli argomenti che devi studiare e, di conseguenza, di ricordarli meglio.

Cimentarsi nella schematizzazione grafica consente proprio di incamerare meglio le informazioni e ricordarle con più facilità.

Come creare diagrammi di flusso

Per creare il flow chart butta giù le tue idee su carta (o su un tablet) in forma schematica, senza badare troppo alla forma, con frecce per collegare le varie parti. Devono essere istruzioni semplici e composte da poche parole. Separa accuratamente ogni passaggio. Questo sarà sostanzialmente il contenuto del tuo diagramma.

Aggiungi poi gli elementi grafici, che sono le forme geometriche, detti blocchi elementari, e le frecce che li collegano.

Esistono alcune (poche) regole base per costruire il diagramma di flusso:

  • ogni freccia esce da un blocco ed entra in un altro (o si innesta in un’altra freccia);
  • ciascun blocco è raggiungibile da quello iniziale;
  • il blocco finale è raggiungibile da tutti gli altri.

Quando sei soddisfatto del risultato, controlla che non ci siano vicoli ciechi, ovvero blocchi che non portano alla fine o a cui non puoi arrivare in alcun modo. Ora crea il tuo diagramma di flusso con un qualsiasi software di grafica o con uno dei programmi gratuiti che ti illustrerò tra poco.

Un’ultima verifica per assicurarti che non ci siano refusi (sono brutti da vedere anche qui) e sei pronto per inserire il diagramma nel tuo articolo o nella tua presentazione.

Ricordati di inserire i riferimenti alla Licenza Creative Commons che vuoi usare. Chiedere a chi vuole usare il tuo lavoro di riconoscertene i meriti e di rispettare le tue scelte è giusto.

Le forme dei blocchi elementari

In teoria sei libero di usare tutte le forme che vuoi. Non infrangi nessuna legge se usi stelle, cuori e nuvolette. Tuttavia esistono dei blocchi standard. Alcune forme hanno assunto per convenzione un particolare significato condiviso. Quindi, se vuoi che il tuo diagramma sia chiaro e facilmente leggibile usa quelle. Puoi dare un tocco creativo con i colori o con icone e disegnini.

Ci sono diverse forme standard. Nell’infografica qui sotto trovi le quattro di base, con le quali costruirai la maggior parte dei tuoi flow chart, più i connettori (le frecce) e un quinto blocco elementare che, secondo me, è utile in vari articoli, soprattutto nei tutorial.

 ESCAPE='HTML'

Programmi gratuiti per disegnare diagrammi di flusso

In rete esistono diversi programmi per creare i diagrammi di flusso. Di seguito ne elenco alcuni semplici da usare che non richiedono alcuna installazione, ma solo una connessione internet.

In questo software le quattro forme base e le frecce di collegamento sono disponibili in una comoda barra laterale e possono essere personalizzate con pochi clic.

Se vuoi arricchire la tua presentazione hai anche a disposizione forme aggiuntive, icone e clipart. Non fanno parte dello standard dei diagrammi di flusso (che in effetti sono piuttosto seri e noiosi), ma noi siamo creativi e non stiamo preparando le slide per un convegno di ingegneri.

Alla fine, puoi scaricare i diagrammi in pdf, png o jpeg e usarli dove vuoi.

Con questo programma hai a portata di mano tutte le forme dei diagrammi di flusso, con colori, bordi ed effetti personalizzabili. I blocchi elementari hanno dei “punti di connessione” che facilitano la creazione delle frecce.

Ci sono anche molte altre forme, come stelle e cuoricini, se proprio vuoi fare l’originale (con il rischio di rendere complessa la comprensione), e alcune semplici icone, che possono sempre tornare utili.

Oltre che nei formati più usati, pdf, jpeg e png, puoi esportare i diagrammi in xml e html e puoi salvarli direttamente nei cloud più usati, come Drive, Dropbox e OneDrive.

Se vuoi scoprire come fare un diagramma di flusso, sicuramente Diagram Designer è un software da conoscere. Si tratta di un programma gratuito per Windows, molto leggero e adatto anche ai PC più vecchi. Con questo strumento, puoi creare, importare e modificare diagrammi di flusso con estrema facilità, usando la tecnica del drag and drop. Si distingue per la sua intuitività e semplicità di utilizzo, rendendolo perfetto anche per chi ha poca dimestichezza con questo tipo di strumenti. Il software permette ampi margini di personalizzazione, anche dei testi all’interno dei vari blocchi. Per iniziare ad utilizzare questo strumento, scaricalo sul tuo PC, installalo e inizia ad esplorare il menù, disponibile anche in italiano.

Per creare il tuo diagramma ti basterà utilizzare la barra in alto dedicata alle forme geometriche e alle frecce disponibili.

Cacoo è un servizio Web collaborativo che permette di creare un diagramma di flusso direttamente su Internet, modificarlo e condividerlo con gli altri in maniera estremamente facile e veloce. Per accedere al servizio ti basterà iscriverti inserendo nome, email e password.

Una volta effettuata la registrazione gratuita, puoi creare il tuo grafico in modo semplice e immediato, sfruttando anche alcuni template a disposizione. Accedendo alla voce Flowchart potrai vedere i modelli più classici dei grafici a diagramma di flusso. Una volta fatto clic sul diagramma di flusso di base ti basterà premere il pulsante select. Avrai così automaticamente creato un modello di base di un diagramma di flusso che potrai modificare a tuo piacimento. I modelli sono condivisibili con altri utenti.

Come dichiarato nel sito ufficiale:

Flowgorithm è un linguaggio di programmazione per principianti gratuito basato su semplici diagrammi di flusso grafici.

In genere, quando uno studente impara per la prima volta a programmare, usa spesso uno dei linguaggi di programmazione basati su testo. A seconda della lingua, questo può essere facile o frustrante. Molte lingue richiedono di scrivere righe di codice confuso solo per visualizzare il testo "Ciao, mondo!".

Utilizzando i diagrammi di flusso, è possibile concentrarsi sui concetti di programmazione piuttosto che su tutte le sfumature di un tipico linguaggio di programmazione. Puoi anche eseguire i tuoi programmi direttamente in Flowgorithm.

Una volta che hai capito la logica di programmazione, è facile per te imparare una delle lingue principali. Flowgorithm può convertire interattivamente il diagramma di flusso in oltre 18 lingue. Questi includono: C #, C ++, Java, JavaScript, Lua, Perl, Python, Ruby, Swift, Visual Basic .NET e VBA (utilizzato in Office).